Organizza il tuo viaggio su misura in
Afghanistan con un'agenzia locale !


Descriveteci il vostro progetto di viaggio: i vostri desideri e le vostre esigenze

Inviamo la vostra richiesta alle agenzie locali

Ricevi fino a 4 preventivi personalizzati gratuiti

Scegliete l'agenzia locale che fa per voi

Perché andarsene in Afghanistan ?

All'arrivo all'aeroporto di Kabul, l'aereo scivola tra le montagne. L'arrivo in Afghanistan è quindi maestoso e vertiginoso. Ma questo è solo un modesto assaggio di ciò che attende il viaggiatore. L'Afghanistan è un paese montuoso. Copre quasi tutto il territorio e in varie forme: giri a Maimana, salienti nel Salang e giganteschi nel Pamir. La catena dell'Hindu Kush, che non è altro che l'estensione dell'Himalaya, taglia il Paese da est a ovest. Ma non si ferma qui! Altipiani a nord, laghi di Band-e-Amir al centro, molti fiumi, steppe dell'Asia centrale, verdi pianure, deserti di sabbia a sud... ce n'è per tutti i gusti!


Scarica un estratto gratuito della Guida Petit Futé

Preparazione del viaggio in Afghanistan

All'arrivo all'aeroporto di Kabul, l'aereo scivola tra le montagne. L'arrivo in Afghanistan è quindi maestoso e vertiginoso. Ma questo è solo un modesto assaggio di ciò che attende il viaggiatore. L'Afghanistan è un paese di montagne. Coprono quasi tutto il territorio e in varie forme: rotonde a Maimana, prominenti a Salang e gigantesche a Pamir. La catena montuosa dell'Hindu Kush, che non è altro che un'estensione dell'Himalaya, taglia il paese da est a ovest. Ma non si ferma qui! Altipiani a nord, laghi di Band-e-Amir al centro, numerosi fiumi, steppe dell'Asia centrale, verdi pianure, deserti sabbiosi al sud... ce n'è per tutti i gusti!

Immergersi in una storia movimentata

Viaggiare in Afghanistan significa essere al centro delle notizie, ma anche immergersi in un passato segnato da conquiste e guerre. La storia dell'Afghanistan è ricca e complessa, ma una volta lì molti elementi assumono un significato per chi cerca di conoscere il passato del Paese. I resti delle guerre ci sono: edifici completamente distrutti, carcasse di carri armati russi ai lati delle strade, fori di proiettile negli edifici. Negli ultimi vent'anni circa, i monumenti storici sono stati distrutti da guerre terribili che hanno letteralmente devastato il paese. Rimangono i ricordi viventi, che chiacchierano volentieri con il visitatore. Ex mujaheddin, ex-comunisti o sostenitori dell'intervento americano, gli attori di questo Paese sono la chiave per comprendere l'Afghanistan di oggi.

Paesi in guerra, post-conflitto o pre-conflitto?

La differenza non è molto chiara. La realtà del Paese è costituita da convogli militari che attraversano Kabul, filo spinato che protegge le case degli stranieri e delle élite afghane, ed elicotteri che sorvolano la città più volte al giorno. Questa non è una guerra, ma sembra che lo sia. È interessante immergersi in questo mondo di umanitari e di organizzazioni internazionali e, soprattutto, essere al centro delle notizie. Dal 2009, la recrudescenza degli attacchi degli insorti ha purtroppo portato a temere una recrudescenza della guerra civile e il ritorno al potere dei Talebani. Il paese, che è stato aperto fino ad ora, sarà ancora aperto domani?

Un ritorno alle origini?

Per molti è uno shock. L'Afghanistan offre ciò che pochi Paesi possono ancora offrire nel XXI secolo: scene di vita quotidiana simili a quelle di secoli fa. Anche a Kabul, la capitale, dove si vedono asini che attraversano le strade che in realtà sono strade. L'Afghanistan è uno dei paesi più poveri del mondo. L'elettricità nelle principali città funziona per appena cinque ore al giorno, le tubature dell'acqua gelano in inverno e gli afghani riscaldano con la legna. A volte gli uomini, per lo più vestiti in abiti tradizionali, vanno a piedi nudi. Immaginate anche i villaggi in cui la gente vive in piccole case di fango, si nutre dei propri raccolti, ara la terra con i buoi, non ha acqua corrente o elettricità e va a prendere l'acqua dal pozzo. Nella maggior parte dell'Afghanistan il tempo si è fermato. E ancora oggi, alcune frazioni sono raggiungibili solo con l'asino...

Escursioni

Per le passeggiate e il trekking, l'Afghanistan è un luogo da sogno. La sua geografia montuosa offre una varietà di siti adatti per passeggiate, escursioni e arrampicate. Come il corridoio di Wakhan nel nord-est dell'Afghanistan e nella provincia del Nuristan, molte aree sono ancora accessibili solo a piedi o a dorso di animale. Questo rende questi luoghi unici al mondo e quasi incontaminati. Alcune di queste zone sono purtroppo diventate negli ultimi anni troppo pericolose per organizzare escursioni.

Quando andare in Afghanistan ? Il momento migliore, le attività, le stagioni, il clima, le temperature, il tempo

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre
Avviso
Temperatura 13° 18° 24° 30° 32° 32° 39° 23° 15°
Giorni di pioggia 5j
6j
8j
8j
4j
0j
1j
0j
0j
0j
3j
4j
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12
13° 18° 24° 30° 32° 32° 39° 23° 15°
5j
6j
8j
8j
4j
0j
1j
0j
0j
0j
3j
4j