fr en es pt nl de

prossimo

Скоро сайт будет доступен на русском языке. Strona będzie wkrótce dostępna w języku polskim. 该网站即将推出中文版

Africa

America del Nord

Asia

Centroamerica & Caraibi

Europa

Francia

Oceania

Sudamerica

Vicino e Medio Oriente

Organizza il tuo viaggio su misura Qatar con un'agenzia locale !

Desidero partire a
Chi è in viaggio?

Ricevere proposte personalizzate gratuite e non vincolanti in pochi click

  • Descriveteci il vostro progetto di viaggio: i vostri desideri e le vostre esigenze
  • Inviamo la vostra richiesta alle agenzie locali
  • Ricevi fino a 4 preventivi personalizzati gratuiti
  • Scegliete l'agenzia locale che fa per voi

Lasciare in Qatar

#Modernità di lusso Il piccolo Qatar pensa di essere grande ed è interessante venire a capirne il motivo. Un Paese è prima di tutto la sua capitale, e questa si affaccia al meglio sulle rive della Corniche, un luogo audace per i musei di livello mondiale, ha i più grandi architetti per costruire le torri futuristiche di West Bay, La Perla e la nuova smart city di Lusail. Doha sta spingendo la sua fortuna in mezzo al deserto per costruire città sportive ed educative per far impallidire i più ricchi dei nostri comuni, aprendo centri commerciali come altri camion di patatine fritte. Doha, un cantiere all'aperto, un delirio urbano altamente strutturato, è un must moderno che delizierà gli amanti dell'architettura.
Il piccolo Qatar si vede grande ed è interessante venire a scoprirne il motivo. Un Paese è prima di tutto la sua capitale, e questa sta lasciando il segno sulle rive della Corniche, osando costruire musei di livello mondiale, offrendosi i più grandi architetti per costruire le futuristiche torri di West Bay, la Perla e la nuova smart city di Lusail. Doha si sta spingendo in mezzo al deserto per costruire città sportive ed educative che faranno impallidire i più ricchi dei nostri comuni, aprendo centri commerciali come alcuni dei camion delle patatine fritte. Doha, un cantiere all'aperto, un delirio urbano altamente strutturato, è un must moderno che delizierà gli amanti dell'architettura.

Dentro e fuori

Certo che fa caldo, troppo caldo spesso. Ma il viaggiatore che è scampato al freddo dell'Europa o che proviene da terre tropicalizzate francofone trova in Qatar una forma di equilibrio, un sapiente equilibrio tra gli interni refrigerati e la fornace, un viaggio termico in sé che si impara a padroneggiare per farne un bene: così, nove mesi su dodici (giugno-agosto non è possibile!).), è piacevole godere della dolcezza del mercurio per un delizioso bagno senza brividi, una cena in abito leggero, una sessione di sport acquatici in perfetta homeothermia, e poi andare a visitare una galleria o a leccare qualche negozio al fresco.

Un deserto alle porte della capitale

Vero e proprio bonus della destinazione, questo deserto accessibile, come un sobborgo medio della capitale. A meno di cento chilometri dagli edifici, siamo nel cuore delle dune giganti, in un paesaggio più grande dell'immaginazione. Delizioso spostamento di questo emirato che sa suonare più scale, dalla città in tempo VIP alla fuga sotto le stelle. Di fronte alle acque del mare interno, il Piccolo Principe che è in tutti noi si sveglia e si meraviglia. Calpesta i martelli, guarda le costellazioni, si perde (come noi) nell'immensità.

Una storia da raccontare

Secondo bonus del Qatar, che non si mostra facilmente e che abbiamo provato in queste pagine a scoprire. Una nazione così giovane è ancora alla ricerca della formula giusta per raccontare la sua storia, da qui un po' di modestia, qualche vicolo cieco, territori ancora velati. Inizieremo con le passeggiate del Souq Waqif, andremo a Katara, poi al Museo d'Arte Islamica, e grazie a questo appetito culturale, oseremo la provincia, i suoi rari forti, i suoi villaggi abbandonati, i petroglifi perduti, i siti di scavo. Per quarant'anni gli archeologi francesi hanno attraversato il Paese per far parlare le sue viscere e noi abbiamo voluto salutare il loro valore pubblicando estratti del loro lavoro, anch'essi sepolti negli archivi universitari. Questa terra è qualcosa di diverso da un insieme di supermercati e grandi alberghi.

Palazzi

Più che altrove però, meglio che altrove sicuramente, il Golfo è un tempio di hotel di lusso, un palazzo all'aperto declinato in molteplici indirizzi. Così, per tariffe allettanti quando si sa come si fa il ballo-trap su Internet, il viaggiatore si concederà qualche notte in un brillante palazzo dalle mille luci, come un palazzo orientale o uno stile ultra-design. Le pagine seguenti presentano un'ampia selezione di strutture visitate e dettagliate. A ciascuno i suoi gusti, secondo i suoi mezzi. Ma qui niente di malandato o approssimativo.

Uno spazio multiculturale

Il Qatar, la vetrina della globalizzazione, ci dicono. Vero, anche se ci impedisce di vedere il tormento comportamentale, a volte amaro, di molti indigeni che non sono preparati a questo atterraggio globale. Poiché l'85% della popolazione è esogena, il ritmo sentito è quello del crogiolo, delle identità multiple e giustapposte, delle comunità nei loro riti. Doha gioca costantemente da una all'altra, a seconda del luogo e dell'ora, del ristorante o del caffè. Una delle sfide del viaggio sarà quella di non confondere il globarabico, l'egiziano, il libanese, il giordano, ecc. con l'endemico Qatar, che è molto segreto.

In completa sicurezza

La sicurezza, quel diritto universale così raro, ha preso residenza in Qatar. Per il visitatore occasionale o il residente permanente, è un semplice piacere non sentirsi mai più minacciati, giorno e notte, in una strada deserta o in un cortile posteriore. Qui la sorveglianza è totale, permanente, radicale, e anche chi non ha nulla da rimproverarsi lo sente. Un'osservazione non intrusiva, fredda come l'elettronica dei file e dei codici a barre. Da punto a punto, dalla geolocalizzazione delle comunicazioni all'elenco delle entrate nei bar e nei club, sanno cosa sta succedendo.

Quanti negozi!

Chanel, Dior, YSL, Cartier, Vuitton, i marchi più prestigiosi sembrano essersi incontrati a Doha, la terra delle carte Oro! I centri commerciali, centri commerciali coperti, fanno a gara d'ingegno per attirare i clienti, mentre i franchising dei migliori chef guadagnano terreno con Jean-Georges Vongerichten, Gordon Ramsay e Alain Ducasse, e le major dell'industria mignardise mettono giù i loro fagotti, con Dalloyau, Fauchon, Lenôtre, Ladurée, ecc.



Perché scegliere un'agenzia locale?

  • Ogni agente locale vive sul posto ed è un esperto della destinazione.
  • Il vostro soggiorno sarà al 100% su misura e adattato a tutti i vostri desideri.
  • Il vostro agente locale sarà sempre disponibile per garantire che il vostro viaggio sia in linea con le vostre aspettative.
  • Approfittate dei migliori prezzi essendo direttamente in contatto con l'organizzatore in loco.

I media ne parlano