fr en es pt nl de

prossimo

Скоро сайт будет доступен на русском языке. Strona będzie wkrótce dostępna w języku polskim. 该网站即将推出中文版

Africa

America del Nord

Asia

Centroamerica & Caraibi

Europa

Francia

Oceania

Sudamerica

Vicino e Medio Oriente

Organizza il tuo viaggio su misura Congo con un'agenzia locale !

Desidero partire a
Chi è in viaggio?

Ricevere proposte personalizzate gratuite e non vincolanti in pochi click

  • Descriveteci il vostro progetto di viaggio: i vostri desideri e le vostre esigenze
  • Inviamo la vostra richiesta alle agenzie locali
  • Ricevi fino a 4 preventivi personalizzati gratuiti
  • Scegliete l'agenzia locale che fa per voi

Lasciare in Congo

#africa Il bacino del Congo ha sempre affascinato e nutrito molti miti, fantasie e sogni di esplorazione del continente europeo. E questo ben prima della sua scoperta ufficiale nel XV secolo. Già a partire dal primo secolo Tolomeo collocava all'incirca le Montagne della Luna (Monti Ruwenzori) e i Grandi Laghi sulla sua famosa mappa del mondo... I Pigmei e gli okapi (!) erano già noti al vecchio mondo e alimentavano molte storie, basate sugli scritti di Plinio il Vecchio e di Aristotele e su geroglifici risalenti a 2500 anni fa... Questo fascino preesistente per questo territorio darà vita a molte spedizioni, all'epoca ampiamente seguite e mediate. Questo portò alla creazione dello Stato indipendente del Congo alla fine del XIX secolo, proprietà personale di un monarca divenuto anch'esso mitico: Ma altri personaggi ed episodi storici leggendari hanno alimentato il fascino del Congo: l'incontro nel 1871 tra l'esploratore Stanley e il dottor Livingstone ('Il dottor Livingstone, presumo?'); la spedizione di soccorso a Emin Pasha ancora guidata da Stanley... Per non parlare delle campagne di schiavi arabi del XIX secolo che, pur essendo molto reali, non per questo hanno alimentato molte fantasie e contribuito alla costruzione del 'mito del Congo'. Mancava solo un certo Joseph Conrad con il suo edificante 'Cuore di tenebra' (1902), l'evocazione dei missionari partiti per evangelizzare il cuore dell'Africa, e altri epici racconti coloniali (la costruzione della ferrovia, le campagne antischiavistiche, la cattura e l'esibizione dei pigmei, le leggende del cannibalismo o i leoni mangiauomini, etc.), da aggiungere all'immaginario collettivo su questa terra davvero incredibile.
Il mito del Congo Il bacino del Congo ha sempre affascinato e nutrito molti miti, fantasie e sogni di esplorazione del continente europeo. Ciò avvenne molto prima della sua scoperta ufficiale nel XV secolo. Già nel primo secolo Tolomeo aveva individuato le Montagne della Luna (massiccio del Ruwenzori) e i Grandi Laghi sulla sua famosa mappa del mondo... I pigmei e gli okapi (!) erano già conosciuti nel vecchio mondo ed erano la fonte di molte storie, dagli scritti di Plinio il Vecchio e di Aristotele e dai geroglifici che risalgono a 2500 anni fa... Questo fascino preesistente per questo territorio ha dato vita a numerose spedizioni, che all'epoca furono ampiamente seguite e pubblicizzate. Questo portò alla creazione dello Stato indipendente del Congo alla fine del XIX secolo, proprietà personale di un monarca divenuto anch'esso mitico: Leopoldo II. Ma altri personaggi ed episodi storici leggendari hanno alimentato il fascino del Congo: l'incontro nel 1871 tra l'esploratore Stanley e il dottor Livingstone scomparso (il dottor Livingstone, presumo?); la spedizione di salvataggio a Emin Pacha, ancora guidata da Stanley... Senza dimenticare le campagne di schiavi arabi del XIX secolo che, pur essendo molto reali, hanno comunque alimentato molte fantasie e contribuito alla costruzione del mito del Congo. Mancava solo un certo Joseph Conrad con il suo edificante Cuore di tenebra (1902), l'evocazione dei missionari che si sono messi in cammino per evangelizzare il cuore dell'Africa, e altri epici racconti coloniali (costruzione della ferrovia, campagne antischiavistiche, cattura ed esibizione di pigmei, leggende del cannibalismo o leoni mangiauomini, ecc.

Démesure

La RD Congo raccoglie superlativi a diversi livelli, a testimonianza della sua situazione e del suo carattere semplicemente eccezionale. Questo la rende una destinazione unica in Africa, anche se ancora in gran parte sconosciuta. Innanzitutto per la vastità del suo territorio che la colloca all'undicesimo posto nel mondo: con 2.345.409 km2 (quattro volte la Francia), solo l'Algeria supera la RDC nel continente africano. Il paese più popoloso dell'Africa centrale, la RDC è attraversata da due fusi orari. La capitale Kinshasa (11 milioni di abitanti) - destinata a diventare la città più grande dell'Africa entro il 2020 - si trova nello stesso fuso orario di Bruxelles e Parigi e si trova a più di 500 km a sud dell'equatore. Attraversa il paese, in particolare a Mbandaka (Ecuador) e Butembo (Nord Kivu). Vicino all'equatore si trova la terza cima più alta dell'Africa, coperta di neve eterna e di una flora alpina equatoriale unica: il Pic Marguerite del massiccio del Ruwenzori, che raggiunge i 5.119 metri. Un'altra caratteristica impressionante è la rete idrografica della RDC, che si estende per circa 77.810 km2 ed è costituita da numerosi laghi e fiumi. Compresi i famosi Grandi Laghi, che detengono anche record africani e mondiali. E naturalmente il maestoso fiume Congo, la vera spina dorsale del paese, e secondo fiume al mondo dietro l'Amazzonia per la sua portata, e quinto per la sua lunghezza (4.700 km). Ma la RD Congo è anche questo scandalo geologico, con contenuti incomparabili in minerali tra i più preziosi al mondo (coltan, diamanti, oro, rame, stagno...). La RDC può anche essere orgogliosa di possedere il 47% del massiccio della foresta tropicale del continente africano, il secondo più grande del mondo dopo l'Amazzonia e il 6% delle riserve tropicali mondiali. Le Nazioni Unite non hanno commesso un errore nel classificare cinque degli otto parchi nazionali del paese come patrimonio dell'umanità. Questo dimostra l'immoderazione presente all'interno di un singolo paese e l'incredibile ricchezza che contiene. Da qui l'enorme interesse che suscita e le questioni che cristallizza.

Diversità e contrasti

La RDC presenta mondi diversi e variegati, spinti dall'incredibile ricchezza culturale e naturale che costituisce questo Paese, unico per molti aspetti. Vale a dire, innumerevoli beni tanto insospettabili quanto attraenti, che ne fanno una destinazione con un enorme potenziale (l'ecoturismo in particolare). Il suo patrimonio culturale e umano, prima di tutto, è incredibilmente ricco, con un mosaico di oltre 450 etnie e quasi altrettante lingue, pratiche, costumi e tradizioni, la maggior parte delle quali meritano ancora di essere studiate e valorizzate dal punto di vista artistico, culturale e antropologico. Per quanto riguarda il suo ricco ecosistema, presenta una varietà di paesaggi di eccezionale bellezza (savane, foreste profonde, montagne, mangrovie e fiumi), a loro volta modellati dalla diversità climatica del Congo. Oltre ad una fauna unica con molte specie endemiche del paese tra cui diversi esemplari emblematici come l'okapi, il bonobo, il gorilla di montagna, il gorilla di pianura, il pavone congolese e fino a poco tempo fa il rinoceronte bianco. Questo formidabile serbatoio di fauna e flora è presente all'interno degli otto parchi nazionali e di 63 riserve e domini naturali, molti dei quali sono iscritti nella lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità (in via di estinzione).

Terra di accoglienza

Al di là dell'interminabile elenco di immense ricchezze e risorse, c'è una cosa, non quantificabile e di uguale se non maggiore importanza, che rende questa destinazione così speciale e così accattivante: il calore della vita della popolazione congolese. Il Congo è infatti noto per la sua tradizione di ospitalità, molte comunità straniere sono sempre rimaste sul suo territorio, a volte anche per generazioni... Che si tratti di comunità europee risultanti dalla colonizzazione, o di altre comunità africane, o anche, a immagine del mondo di oggi, di nuove nazionalità come i cinesi. In Congo, il visitatore è sempre accolto e trattato come si conviene, secondo i mezzi a disposizione e fedele alla tradizione dell'accoglienza e dell'ospitalità, sia in città che nella macchia profonda. A differenza di molti altri paesi (turistici), qui l'autentico è a portata di mano: niente è più facile che fare amicizia con la gente del posto, bere una birra o un kebab di capra mentre si discute di tutto, e persino ritrovarsi invitati al tavolo della famiglia a fine giornata. Un'esperienza spesso immersiva, per chi sa rendersi disponibile, rispettosa e aperta allo scambio, e che lascia un segno indelebile, rivelando tutta la magia di questa cultura e di questa destinazione viva e risolutamente aperta agli altri. Questo va certamente contro il cliché trasmesso dai paesi pericolosi e inospitali (per non parlare delle zone di conflitto, il più delle volte legate a politiche di aggressione di paesi esterni, c'è bisogno di ricordarlo?)

Apertura al turismo

In effetti, la RDC si sta lentamente ma inesorabilmente aprendo al turismo. Tornando agli splendidi tempi coloniali e dello Zairean, quando il paese era ottimizzato in questo senso, attirando molti visitatori che venivano a ingozzarsi di tutte queste bellezze e tesori presenti in un unico paese... Certamente la strada per la ricostruzione è ancora lunga, e disseminata di insidie (clima sicuro!). Ma le mentalità stanno cambiando, molte infrastrutture stanno emergendo, e un certo spirito (turistico) orientato al cliente è all'opera, soprattutto a Kinshasa e nelle grandi città. Molti progetti sono in corso in tutto il paese, il più delle volte sfruttando l'incredibile bellezza dei paesaggi e delle risorse naturali (fauna selvatica, fiume, laghi, foresta...). Sia attraverso l'agriturismo, il turismo industriale, il turismo fluviale, storico, culturale ... Tutti questi settori, o quasi tutti, se fossero sviluppati come dovrebbero essere, sarebbero potenzialmente favorevoli all'emergere di un ecoturismo sostenibile e responsabile. I parchi nazionali in particolare permettono da soli lo sviluppo del turismo della visione (safari), che è molto promettente dal punto di vista economico, e del turismo d'avventura (trekking, alpinismo, sport acquatici, ecc.). Spetta ai congolesi prendere queste iniziative e liberare i mezzi necessari per realizzare questi grandi progetti e ottimizzare le immense risorse latenti del loro paese. In modo che si assista realmente al risveglio del gigante e che la RDC prenda il posto che le spetta sulla scacchiera mondiale, visto tutto il suo potenziale.



Perché scegliere un'agenzia locale?

  • Ogni agente locale vive sul posto ed è un esperto della destinazione.
  • Il vostro soggiorno sarà al 100% su misura e adattato a tutti i vostri desideri.
  • Il vostro agente locale sarà sempre disponibile per garantire che il vostro viaggio sia in linea con le vostre aspettative.
  • Approfittate dei migliori prezzi essendo direttamente in contatto con l'organizzatore in loco.

I media ne parlano