Organizza il tuo viaggio su misura in
Angola con un'agenzia locale !


Descriveteci il vostro progetto di viaggio: i vostri desideri e le vostre esigenze

Inviamo la vostra richiesta alle agenzie locali

Ricevi fino a 4 preventivi personalizzati gratuiti

Scegliete l'agenzia locale che fa per voi

Perché andarsene in Angola ?

Sono passati poco più di dieci anni da quando la pace è tornata in Angola. 'Il turismo è l'industria della pace', come giustamente affermano gli operatori turistici angolani. I turisti sono ancora rari, tranne gli stessi angolani che (ri)scoprono il loro paese con felicità, e alcuni privilegiati espatriati. I tornei internazionali di pesca sportiva e di bird watching attirano già gli appassionati, come i soggiorni 'saudade' dei portoghesi (spesso lasciati nel 1975) e il turismo del ricordo, con alcuni ex soldati cubani e persino sudafricani. Poche persone, quindi, che lasciano spazio all'avventura. Ne consegue che la probabilità di trovarsi da soli di fronte a siti naturali notevoli è molto alta e questo è già un privilegio e una felicità incommensurabile!


Scarica un estratto gratuito della Guida Petit Futé

Preparazione del viaggio in Angola

La divorante capitale angolana beneficia di una posizione eccezionale, che si erge sopra la splendida baia naturale di Luanda e il Ilha do Cabo. Luanda riflette più di quattro secoli di storia coloniale portoghese. Dal 2002, compagnie petrolifere, banche, assicurazioni, ecc. costruiscono imponenti edifici moderni, simboli del loro potere, che si moltiplicano nel cuore di Cidade Baixa e oltre. La città è un vasto cantiere. Recentemente allargato sul mare, il Marginale, un ampio viale che costeggia la baia di Fortaleza S. Miguel dal XVI secolo fino al porto, sorprende per le sue dimensioni e l'alta qualità del suo paesaggio e delle sue piantagioni. Molto presto, però, e dalle prime strade perpendicolari al Marginale, il visitatore troverà marciapiedi rotti con traffico congestionato e caotico. Alcuni luandesi dicono che percorrono solo un chilometro all'ora! Gli abitanti dei quartieri periferici passano tanto tempo nella vita quotidiana nei trasporti quanto in ufficio... La stagione delle piogge può impedirgli di farlo per qualche ora o qualche giorno. Qui tutto è un contrasto: grattacieli e strade fangose, scintillanti 4x4 e bambini di strada, costruzioni futuristiche e edifici storici fatiscenti, gru giganti e strade buie al largo delle strade principali, baraccopoli e nuovi quartieri ultramoderni, disuguaglianze evidenti. E questa baia che è così bella!

Terra di accoglienza e di contrasti

Dal mitico e settentrionale fiume Congo al Kunene, che sfocia a sud nel deserto del Namibe, l'Angola si estende lungo oltre 1.600 km di costa atlantica. Dall'altra parte del fiume, la provincia senza sbocco sul mare di Cabinda e la sua straordinaria foresta tropicale, tra l'Oceano Atlantico e i due Congo, così come gli altipiani e i loro sorprendenti paesaggi. Ovunque si trovano spazi enormi e luoghi inesplorati, ma anche incontri con abitanti aperti, sorridenti e amichevoli: popoli pre-Bantus, una terra di regni che ha subito più di quattro secoli di occupazione portoghese, la terza economia dell'Africa subsahariana (dopo il Sudafrica e la Nigeria), un paese ricco di petrolio e diamanti che sta vivendo un boom economico e progredendo a passi da gigante!Questa terra di accoglienza e di contrasti attende visitatori avventurosi, curiosi di scoprire una delle ultime destinazioni africane ad aprirsi al turismo.

Un importante incrocio

Quattro secoli di incroci. La lunga presenza portoghese sulla costa e le dinamiche storiche dell'incrocio razziale e culturale hanno portato alla nascita di una società meticcia, soprattutto nelle città. Il tra i bianchi è raro in Angola. Non un albergo, non un ristorante, non un bar, non una spiaggia, dove non tutti si incontrano e si mescolano. E questo è un bene.